Spese locali con benefici regionali; quale contributo da parte dei comuni più ricchi?

Edoardo Cappelletti, Consigliere comunale del Partito Comunista, sollecita con un interpellanza il Municipio di Lugano sull’eventualità di coinvolgere finanziariamente i ricchi comuni dell’agglomerato nelle iniziative di rilevanza regionale, in un momento delicato per le casse cittadine.

Interpellanza
Spese locali con benefici regionali; quale contributo da parte dei comuni più ricchi?

Premesso che:
1. il quadro finanziario di molti Comuni limitrofi è relativamente florido e il moltiplicatore degli stessi, a comprovare la loro agiatezza economica, sovente minore di quello di Lugano e negli ultimi anni in diminuzione;
2. i cittadini dei Comuni di cui sopra usufruiscono e beneficiano di un ampio ventaglio di strutture e servizi interamente finanziati dalla Città di Lugano, che in virtù delle loro disponibilità dovrebbero contribuire a finanziare;
3. la solidarietà intercomunale, qualora finalizzata al sostegno da parte dei Comuni più ricchi nei confronti di quelli meno facoltosi, rappresenta un pilastro essenziale per un rapporto egualitario e di mutuo appoggio fra le componenti del Cantone.

Considerato che:
1. diffusa è la convinzione di voler perseguire, oltre che una diminuzione delle uscite, anche un incremento delle entrate che non gravi sulle tasche dei contribuenti (seppur in modo minimo e ampiamente giustificato);
2. ingenti sono le voci di spesa rivolte agli investimenti di rilevanza regionale, i cui costi pesano sulla Città di Lugano ma le cui ricadute positive sono sensibilmente avvertite dai Comuni circostanti;
3. i conti della Città di Lugano sono in rosso e metterebbero a rischio, se non venissero trovati ulteriori pubblici finanziamenti per i progetti odierni, i servizi e le prestazioni fornite alla popolazione.

Rivolgo conseguentemente al Municipio le seguenti domande:

1. Come viene reputata una richiesta di partecipazione finanziaria da parte dei Comuni più benestanti a quelle iniziative di Lugano con un impatto regionale benefico, soprattutto in un momento delicato per le casse della Città?

2. Non si ritiene legittimo e opportuno ricorrere alla formula di finanziamento di cui sopra, promuovendo così una politica di incremento delle entrate che possa andare nella direzione di preservare e sviluppare il servizio pubblico?

3. E’ a conoscenza il Municipio del fatto che analoghe modalità di finanziamento sono già state attuate con successo negli agglomerati di Losanna, Lucerna e Winterthur?

Con ossequio.

Edoardo Cappelletti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...