Quali legami con lo Stato di Israele?

 Edoardo Cappelletti, Consigliere comunale del Partito Comunista, interroga il Municipio sulla partecipazione di Marco Borradori, sindaco di Lugano, al 65° anniversario della nascita dello Stato di Israele.


Interpellanza
Quali legami con lo Stato di Israele?

 

Apprendo dai media la partecipazione del Lodevole Municipio, tramite un suo rappresentante, al 65° anniversario della nascita dello Stato di Israele, nazione teocratica, che da oltre mezzo secolo perpetra il suo regime guerrafondaio e razzista ai danni del popolo palestinese. Calpestando e minacciando sistematicamente le norme internazionali, nonché la sovranità nazionale delle regioni limitrofe, Israele rappresenta il baluardo di quella tradizione coloniale che, gà scalzata grazie alla lotta dei popoli oppressi, si ripropone oggi con l’apartheid sionista nei Territori occupati. Ben oltre 50 sono infatti le risoluzioni ONU, tese a ripristinare i diritti civili degli abitanti palestinesi, che Israele si fregia di aver violato: inosservanza della Convenzione Internazionale sui Diritti Umani; adozione di misure coercitive degradanti e ingiustificate; deportazioni arbitrarie, sono solo alcune delle azioni aspramente condannate dalla Comunità internazionale. Ma la lista, ancor più lunga, potrebbe continuare.

Continua a leggere

Annunci

Quale trasporto pubblico per i quartieri più discosti?

Edoardo Cappelletti, Consigliere comunale del Partito Comunista, sollecita il Municipio a chinarsi sul tema della diffusione del trasporto pubblico nei quartieri periferici.

Interrogazione
Quale trasporto pubblico per i quartieri più discosti?

PREMESSA

Gli ultimi processi aggregativi che hanno investito le sponde del Ceresio hanno comportato l’inclusione di una più estesa realtà sociale e territoriale in un solo comune, composto invero da zone periferiche e da un centro urbano. Avendo assunto un ruolo chiave nel promovimento di questa nuova realtà territoriale e istituzionale, la “Nuova Lugano” dovrà assumersi l’onere di sostenere l’integrazione dei quartieri più discosti dal Centro, impegnandosi a garantire una mobilità efficiente fra il Centro e la periferia, nonché la prossimità di tutti i cittadini ai servizi della Città.

Continua a leggere

Bilancio positivo dell’unità realizzata a sinistra con il PS

A seguito dell’inaugurazione della legislatura 2013-2016, avuta luogo martedì con l’insediamento del Consiglio comunale, la sezione Luganese del Partito Comunista (PC) si è riunita per trarre un bilancio sugli attuali equilibri politici cittadini e definire le sue progettualità all’interno del legislativo. Rilevati alcuni dei principali problemi della città, come la necessità di instaurare un rapporto egualitario fra i diversi quartieri e rafforzare la prossimità al cittadino, i comunisti locali rimarcano così l’urgenza del promovimento di una politica sociale in grado di rispondere agli effetti della crisi.

Continua a leggere

Due comunisti entrano in Consiglio comunale!

In seguito a un’intensa campagna elettorale, la sezione Luganese del Partito Comunista apprende con entusiasmo i risultati usciti dalle urne. A prescindere dal danno provocato  da una bipolarizzazione mediatica fra i due contendenti sindaci,  il fronte unito della sinistra (PS-PC) è riuscito comunque a consolidare il suo Municipale e ottenere nove Consiglieri comunali (uno in meno del 2008) di cui ben due comunisti. Ad accedere alla carica istituzionale sono il già Consigliere comunale a Cadro Demis Fumasoli e il sindacalista studentesco nonché candidato al Municipio Edoardo Cappelletti, il quale sembrerebbe essere il più giovane Consigliere mai stato eletto.

Unire la sinistra in un progetto unitario di avanzamento sociale è stata pertanto una strategia pagante, che seppur concomitante a uno spostamento a destra dei rapporti di forza, ha portato i comunisti nel bastione economico del Cantone ed ha comportato la realizzazione di un gruppo progressista non troppo ridimensionato in Consiglio comunale (in questo senso, è bene ricordare che il seggio perso dai socialisti è stato acquisito dai Verdi, con i quali risulterebbe possibile costituire un’asse rosso-verde).
Gli esiti delle votazioni gettano quindi le basi per una stretta collaborazione fra comunisti e socialisti nel gruppo unitario in Consiglio comunale, al fine di rilanciare temi più volte ripresi congiuntamente e che incidono sulla quotidianità del cittadino: come l’alloggio, il trasporto pubblico e gli spazi di aggregazione.

Una menzione va infine ai candidati che si sono messi a disposizione per il Partito Comunista, che hanno lavorato con impegno magistrale per il buon esito della sinistra luganese e ai quali sono rivolti i più sinceri ringraziamenti (in ordine alfabetico per cognome): Stefano Araujo, Yasar Dastan, Hursit Kasikkirmaz,  Alessandro Valli.
Sezione Luganese del Partito Comunista